Tag Archivio per: contatto

Quando nasce un bambino, nasce anche una madre, e soprattutto nasce una nuova relazione d’amore, che era iniziata 9 mesi prima, e che si era alimentata durante tutta la gravidanza. Il feto e la madre danzano all’unisono per mesi, respirano insieme, mangiano insieme, dormono insieme, vivono le stesse sensazioni.

Continua a leggere

Allattare al seno è un’esperienza molto intensa sia per la mamma che per il bambino, non è semplicemente un gesto meccanico che la madre compie per permettere al proprio figlio di sopravvivere ed essere alimentato.

Continua a leggere

Spesso i nostri bebè ci ricordano che non amano stare distanti dalla mamma, e che amano essere maneggiati e coccolati. A parte tenerli in braccio, quali sono i modi in cui possiamo soddisfare questi bisogni? Vediamo alcuni mezzi “pratici” per soddisfare il bisogno di contatto dei nostri piccoli, che possono avere anche altri lati positivi. Le fasce portabebè e il massaggio infantile.

Continua a leggere

La comunicazione con neonato inizia nei primi momenti di conoscenza con la madre dopo la nascita, come abbiamo visto nell’ultimo articolo. Nelle prime settimane e nei primi mesi di vita, la comunicazione cambia e si evolve, ma si esprime attraverso alcuni ambiti precisi, che sono l’alimentazione, il contatto e il gioco. Vediamoli insieme.

Continua a leggere

L’essere umano fin dalla nascita sa fare molte cose, solo apparentemente elementari: reagire con movimenti riflessi a stimoli che arrivano dall’esterno, percepire il mondo intorno a sé, piangere.

Ma il neonato sa interagire con chi si prende cura di lui in molti modi diversi.

Continua a leggere

Negli ultimi anni si è sentito spesso parlare di “metodi” per far dormire i bambini, comprendendo anche i neonati, e supponendo quindi che i bambini non siano programmati per farlo. Questa idea ha qualcosa di errato nelle sue fondamenta: i bambini non imparano a dormire ma al contrario a stare svegli; è un processo di maturazione, a cui arriveranno quando saranno pronti. Ma i libri e i sedicenti “esperti” che consigliano certi metodi intendono dire che si può insegnare ai bambini a dormire tutta la notte senza svegliarsi o almeno senza “disturbare” i genitori. Peccato che questo sia pericoloso perché contro la loro fisiologia.

Continua a leggere

Quali sono le principali paure dei piccoli, dai primi mesi ai primi anni di vita?

Paura di perdere il contatto fisico

Il neonato, e poi il bambino, ha necessità di contatto fisico quasi costante, a differenza di ciò che spesso si sente dire. Più sperimenterà la vicinanza e la presenza affettiva della mamma, più sarà un bambino sereno e autonomo, quando sarà pronto per esserlo. Più intimo sarà il contatto con la mamma, maggiore sarà la capacità di autonomia del bambino.

Continua a leggere